ASSOCIAZIONE LIBELLE
Educazione in Natura

Buzzing Woods

Learning and Playing Languages in the Outdoors

 

Buzzing Woods è un atelier culturale che ha peculiarità di offrire percorsi linguistici ai bambini e alle bambine nella fascia d’età 3-11 con l’obiettivo di promuovere l’esposizione alla lingua straniera e il suo apprendimento in contesti ambientali all’aperto. L’atelier nasce da un’idea di Selene D’Agostino, e ha trovato una eco nell’Associazione Libelle APS di Pietra Ligure, che ospita il progetto nei suoi spazi.

 

Tra gli obiettivi per lo sviluppo delle competenze già al termine al termine della scuola dell’infanzia le indicazioni ministeriali sottolineano l’importanza di fornire ai bambini e alle bambine occasioni nelle quali possano apprezzare e sperimentare la pluralità linguistica. Se opportunamente sollecitati, sono in grado di acquisire competenze linguistiche e comunicative a lungo termine.

 

Buzzing Woods si orienta in questa direzione. Le motivazioni che inducono ad essere favorevoli al gioco in lingua straniera sono di ordine socio-psicologico: l’età infantile offre l’apertura e l’attitudine verso nuovi apprendimenti che unite all’estrema capacità di memorizzazione dimostrano una minore difficoltà ad apprenderne i concetti sintattico-grammaticali.

      Learning Through Dramatic Play

L’apprendimento funziona quando la modalità utilizzata è coinvolgente e motivante sul piano affettivo ed emotivo e si svolge in un clima sereno e stimolante. Buzzing Woods offre i suoi percorsi in ambienti naturali, urbanizzati e campestri in cui sia possibile stare a contatto con gli elementi della natura della città di Savona e Pietra Ligure, come la spiaggia, i parchi, i boschi e la città. Il gioco e l’apprendimento linguistico in contesti all’aperto potenziano l’apprendimento della lingua poiché esperita a livello corporeo e sensoriale.

Nel gioco in contesti ambientali all’aperto i bambini mantengono la concentrazione più a lungo poiché sono coinvolti nell’esplorazione di materiali pluri-sensoriali e concreti: costruire con le foglie la tana di un animale, disegnare sul terreno con i gessetti, costruire un castello di sabbia, manipolare la terra, le foglie, i rametti, i sassolini, le cortecce, gli alberi e i cespugli, giocare con gli agenti atmosferici, rafforzano l’apprendimento linguistico. Le attività previste permettono di sviluppare aspetti differenziati del linguaggio.

Le attività comprendono ad esempio i giochi di esplorazione; la creazione di piccoli mondi; le attività manuali e la lettura:

  • I giochi di esplorazione contemplano l’uso prevalente delle mani, della vista e del corpo: si tocca, si trasforma, si lascia traccia, ci si sporca, si cerca durante una caccia al tesoro, si osservano le parti del corpo di un insetto, si segue la traccia degli animali sul terreno.
  • La manipolazione degli oggetti naturali rende viva la lingua, il cui apprendimento ha un impatto più rapido e duraturo in quanto sintesi di un’esperienza personale.
  • La creazione di piccole ambientazioni come ad esempio lo zoo, l’aeroporto o la casa rendono attivo il bambino che sta apprendendo una lingua. Per la costruzione di tali ambientazioni si utilizzano sia materiali naturali che artificiali.

Le attività sopra elencate, volte a favorire questo primo approccio con la lingua straniera, sono strutturate sulla base delle effettive capacità cognitive e sugli interessi dei bambini e, pertanto, anche adattate in itinere. Ogni bambino e bambina prenderà confidenza con la nuova lingua seguendo un processo induttivo; ci si servirà di stimoli motori, uditivi e visivi adeguati al loro sviluppo cognitivo e tali stimoli faranno riferimento esclusivamente alla dimensione orale della lingua per la fascia 3-6, mentre l’approccio alla scrittura è preso in considerazione per la fascia 7-11.

PER INFORMAZIONI:

Selene D’Agostino

M: + 39 3381648183
@: info.buzzingwoods@gmail.com

CALENDARIO PROSSIMI EVENTI A LIBELLE:

  • in elaborazione..